monsignor Giuseppe Zanon

28 ottobre 2018

 

Care sorelle,

nella notte si è spento, all’OPSA dove era giunto da qualche settimana, monsignor Giuseppe Zanon, don Giuseppe, come tutte noi lo abbiamo sempre chiamato.

Come la sua persona era esile e di grande spessore, anche la sua malattia è stata breve e aggressiva. Ci ha lasciati in punta di piedi, come suo stile!

Mi accorgo che ne parlo e lo penso come uno di famiglia e, di fatto, era di casa tra noi.

Ha accompagnato e celebrato passaggi fondamentali nella vita di tante: prime professioni, professioni perpetue, venticinquesimi e altri importanti momenti di Famiglia; ha sostenuto con la sua guida saggia e illuminata il cammino di molte fin dalle tappe della formazione iniziale, ha saputo donarci sempre una parola chiara, illuminata e sicura. Ha dato molto anche alle sorelle più anziane negli esercizi spirituali e nei ritiri, con larghezza di cuore e serenità. Ci ha fatto sorridere, ci ha sempre incoraggiate.

Ora lo pensiamo nella luce, accanto a quel Dio, Padre di misericordia, che in molti modi ha cercato di farci conoscere e amare. È stata una benedizione poter essere partecipi dei tanti doni di cui la sua persona era ricca, primo fra tutti, la sua fede.

Lo ringraziamo per tutto e custodiamo il ricordo di un sacerdote che è stato maestro e padre, nella vita e nella parola.

Per lui, per la chiesa di Padova, il vescovo Claudio e i sacerdoti, per la sua famiglia, la nostra preghiera e il nostro ricordo.

suor Maria Fardin

Padova, 28 ottobre 2018

La foto lo ritrae nel prato di Casa Madre, in una delle tante feste di famiglia alle quali ha partecipato.

 
Segnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente