I giorni del Capitolo - seconda sessione

9 agosto 2017

Le Costituzioni

Dai Taggì, 09 agosto 2017

Con la festa di Santa Teresa Benedetta della Croce, Edith Stein, celebriamo l’ultima eucaristia nella chiesa della casa di riposo don Luigi Maran a Taggì.

La prima lettura in lingua araba e il canto del Padre nostro ci ambientano nell’internazionalità della nostra famiglia elisabettina.

P. Agostino qualifica questa celebrazione come ringraziamento al Signore per vari motivi. Sottolinea che gli piace come preghiamo, perché è una preghiera vissuta da sorelle che guardano al Capitolo e al futuro con speranza: nella fedeltà incontreremo il Signore.

In questi giorni trascorsi con noi ha colto partecipazione intensa e collaborativa nel lavoro sulle Costituzioni. Il carisma ha penetrato tutte le dimensioni: portare le Costituzioni nella preghiera darà unità alla nostra vita di comunione fraterna e rafforzerà la nostra fiducia nel Signore che guida la storia.

Nella seconda parte dell’omelia il padre ci offre spunti di riflessione tratti dall’omelia di Giovanni Paolo II in occasione della canonizzazione di santa Teresa Benedetta. Immagini e parole dei suoi Scritti ci fanno ricordare l’esperienza spirituale della Vendramini, specialmente il suo amore al crocifisso.

Dopo la preghiera in sala, diamo avvio all’ultima fase dei lavori che prevede l’approvazione finale delle Costituzioni. È un momento commovente, sottolineato da un corale battimano per la gioia di aver raggiunto una meta che sembrava molto e forse troppo ardua. È un momento storico per la Famiglia elisabettina segnato dal ricordo costante di tutte le destinatarie attuali e dal pensiero sulle future che potranno godere di una legge che è giogo soave e leggero perché amato, espressione di totale dedizione al Signore e al suo Regno nello spirito della nostra cara madre Elisabetta Vendramini.

A seguire riprendiamo alcune questioni lasciate in sospeso nella prima sessione. Gli aggiornamenti e le considerazioni occupano l’ultima parte della mattina e il primo pomeriggio.

Viene quindi offerto un tempo per la verifica personale scritta e la condivisione in Assemblea. Anche questo è un momento di intesa partecipazione e di commozione, di riconoscenza e di lode al Signore per quello che siamo e per quello che Lui ci chiede di essere, di riconoscenza alle sorelle, ai vari relatori e moderatori. Particolare menzione viene fatta per suor Battistina e p. Agostino Montan. Quest’ultimo ci ha seguite con pazienza e competenza, bontà e familiarità guidandoci su meandri legislativi che si sono rivelati sentieri di giustizia e di pace che danno sicurezza.

Al governo uscente e al nuovo governo gli auguri più cari. Non abbiamo dimenticato chi si è preso cura di noi nei dettagli quotidiani e di chi ha fatto le ore “piccole” per fornirci il materiale di lavoro.

Nella verifica sono state fatte oggetto di particolare attenzione alcune situazioni delicate, ma care al cuore del Signore e nostro.

A ciascuna il riconoscimento per aver lavorato con passione, competenza e abilità, permettendoci di tenere alta la capacità di concentrazione e di arrivare alla fine ancora con energia e gioia.

Nel dopocena suor Marilena ci fa dono della galleria fotografica di questo Capitolo. Ripercorriamo i 40 giorni del nostro deserto carico di momenti intensi e commoventi. Ora ci attende la quotidianità dove sperimenteremo la presenza provvidente di Dio che Lui stesso ci ha promesso.


L'applauso:



 
StampaTorna alla pagina precedente