I giorni del Capitolo - seconda sessione

4 agosto 2017

Le Costituzioni

Dai Taggì, 4 agosto 2017
Memoria di s. Giovanni Maria Vanney

La figura proposta oggi dalla Chiesa è un messaggio di santità nel quotidiano. S. Giovanni ama, prega, si dona ai confratelli in una disarmante e santa semplicità. Questo messaggio si concilia bene con il vangelo odierno dove Gesù si trova davanti ai suoi paesani che non credono in lui perché restano prigionieri di un’apparenza che impedisce loro di entrare nella sua profonda conoscenza. Se andiamo a Gesù con gli occhi aperti della fede e ci poniamo la domanda: Ti conosco?, questa fede ci porterà ad aprirci al suo mistero e alla conoscenza della nostra vita. Potremo conoscere, amare e seguire Gesù nella nostra vita quotidiana e lui potrà compiere anche in noi i suoi prodigi.

La preghiera proposta in sala, Donami l’inquietudine di chi cerca la verità, mette sulle nostre labbra una sapiente invocazione:

Fammi curiosa, Signore!
Donami l’inquietudine
di chi non si accontenta
di ciò che appare,
ma cerca la verità
di ciò che è.
Fammi attenta, Signore!

È una richiesta che ci lancia verso il compito di oggi che ci vedrà impegnate nello studio degli articoli delle Costituzioni riguardanti il Capitolo generale (ultimi paragrafi) e la sezione riservata all’Autorità ordinaria (superiora generale, vicaria, consiglio, segretaria, economa).

Alla conclusione della giornata possiamo dire di aver partecipato ad un mini corso di Diritto Canonico. Con sapienza e pazienza p. Agostino Montan ha risposto a tutti i nostri quesiti che sono stati tanti, profondi, curiosi, interattivi… infiniti!

È stato interessante anche ricostruire le tradizioni del servizio di governo generale in questi ultimi anni, grazie anche alla memoria storica di alcune nostre sorelle che ci hanno aiutato a capire l’evoluzione del Diritto proprio.

Lo sguardo sul Direttorio ci ha permesso di completare la conoscenza dell’argomento che stiamo trattando.

Dopo la preghiera dei Vesperi, seguita e partecipata con la proiezione su schermo, continuiamo la convivialità nella cena.

Nel dopocena ci ritroviamo in sala per alcune indicazioni da parte della Superiora generale.

 
StampaTorna alla pagina precedente