I giorni del Capitolo - prima sessione

17 luglio 2017

Lavoro sulle Proposte

     Dai Taggì, 17 luglio 2017

Ore 7.00: celebrazioni delle Lodi e dell’Eucarestia.

La Parola ci viene presentata da p. Antonio Bertazzo come dono che ci aiuta a discernere, a mettere in luce le contraddizioni insite nel nostro cuore. Un dono che come consacrati siamo chiamati a valorizzare e custodire, perché attraverso la sua Parola il Signore ci fa intendere un amore unico che ci aiuta a fare ordine e individuare le nostre relazioni. L’unicità dell’amore di Dio può sembrare troppo esigente perché, come dice Gesù nell’odierno Vangelo (Mt 10,34-11,1), lui è venuto a separare l’uomo da suo padre, la figlia dalla madre, etc… In realtà l’invito è quello di non cercare compromessi con il male, di camminare dietro a Gesù, cercando di accogliere e rendere unico il nostro amore per il Signore, per disporci al Bene.

Alle ore 8.50, in sala capitolare, siamo introdotte alla giornata attraverso la preghiera composta da suor Marilena “Le mani di Dio”: contempliamo la mano paterna e quella materna con le quali il Signore ci comunica fermezza e tenerezza e gli chiediamo di accordare le nostre parole e le opere alla carità che nasce dal cuore per continuare ad annunciare il suo amore.

La Superiora generale nel darci il “Buondì”, ci consegna due parole tratte dall’odierno Vangelo, perdere e trovare, indicandole come due movimenti essenziali alla nostra vita e dei quali madre Elisabetta ci è maestra: perdere significa lasciare per creare spazio ad altro; trovare comporta l’accogliere, l’assumere e il prendere dentro di sé quanto ci viene incontro e dato.

Ci trasferiamo quindi nei gruppi per lavorare sulle proposte raccolte nello Strumento di lavoro al Cap III n. 32 – 36 e questioni Cap. V n. 56.

Nel pomeriggio riprendiamo i lavori e, dopo un ulteriore lavoro in gruppo, ci riuniamo in Assemblea per condividere i report e confrontarci e offrire indicazioni al Consiglio Generale, partendo dalla presa di coscienza della realtà del nostro Istituto e delle richieste pervenute all’Assemblea capitolare tenendo conto della fattibilità e sostenibilità nel tempo e nello spazio.

Dopo questo intenso e coinvolgente lavoro che tocca le varie questioni proposte ci ritiriamo per una preghiera personale.

Seguono cena e serata libera.


 Le foto del giorno
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Alba
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Pianta di susine selvatiche
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Pere
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Nespolo
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Melo cotogno
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Giuggiolo
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Fico
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Ciliegio
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Caco
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Albero del vicino
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Alberi nel parco
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

tramonto
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore

 
StampaTorna alla pagina precedente